La Ferrovia di Selinunte è certamente un luogo che esercita fascino e che è in grado di calamitare interessi di vario tipo, prestandosi a letture le più diverse e originali.
L’Associazione VacuaMoenia ha organizzato per sabato 3 settembre una azione di recupero sonoro del paesaggio nel quale la nostra ferrovia giace abbandonata. Una passeggiata sonora o, come è indicata dagli organizzatori, un “soundwalk” che prevede che la linea sia percorsa in silenzio per consentire l’ascolto del paesaggio. Nel corso dell’azione saranno creati momenti di riflessione e dialogo sulle caratteristiche del Paesaggio Sonoro, dell’Ecologia Acustica e in particolare delle attività dell’Associazione VacuaMoenia.

Carissimi amici e lettori,

riprendiamo le nostre pubblicazioni, dopo un nuovo periodo di stallo dovuto a vicissitudini complesse, con un comunicato non semplice da compilare; probabilmente chi segue questo sito ed è attento alle vicende che coinvolgono gli appassionati delle ferrovie ha notato che qualcosa recentemente è cambiato nel panorama delle associazioni siciliane.

Il modo più semplice per trattare un argomento spinoso forse è partire dalla notizia: il sito Ferrovie di Selinunte ha cessato il suo legame con l’associazione TRENO D.O.C..

Una notizia del genere non può limitarsi ad uno scarno comunicato, chi vi scrive sente l’esigenza e il dovere nei confronti dei lettori di spiegare per sommi capi come mai sia stata maturata questa drastica decisione.

Finalmente ci siamo, lo scartamento ridotto riparte da Castelvetrano!

Il comunicato pubblicato il 17 febbraio 2016 da Fondazione FS Italiane porta a conoscenza un avvenimento che possiamo definire storico: è stato intrapreso da fine 2015 un importante progetto di restauro dei trenta rotabili ancora esistenti tra carri (merci, cisterne, gru, trasbordatori) e automotrici, quasi tutti a scartamento ridotto, accantonati presso lo storico Deposito Locomotive di Castelvetrano.

Se qualcuno avesse qualche dubbio su cosa può offrire una ferrovia in termini turistici quando il binario attraversa luoghi densi di suggestioni di tutti i tipi (paesaggistici, culturali, storici, e chi più ne ha più ne metta!) può chiarirsi le idee qui, in Sicilia, e ora, senza attendere che si realizzi chissà cosa.
Basta dedicare una giornata ad un giro completo attorno all’Etna. Ma non un giro qualsiasi, un giro in treno!
La stazione della FCE (Ferrovia Circumetnea) di Catania Borgo è incastonata nel centro urbano, con il suo deposito e l’officina. Già la ripida rampa che si vede appena oltre il cavalcavia stradale è un vero invito, quasi una sfida, a prendere la vecchia littorina per vedere se ce la fa …  Se invece si presenta un modernissimo convoglio, scintillante, con aria condizionata ampi finestrini, comode poltrone, elevato confort … la sfida è già vinta in partenza. Come si poteva chiamare questo convoglio?

Cari appassionati,
il sito Ferrovie di Selinunte ha utimamente rallentato un po’ la pubblicazione di nuovi articoli ma…
… ma questo non significa che tutto sia fermo, anzi! Chi vi scrive ha silenziosamente, duramente e concretamente continuato a lavorare per risultati che oggi, essendo stati finalmente acquisiti una serie di importanti obiettivi, possiamo considerare raggiunti.
Questo stesso sito, la cui trama editoriale è stata finora impostata nel guidarvi nella scoperta di ciò che ancora oggi esiste dello scartamento ridotto, in futuro avrà lo scopo di divulgare, quando sarà possibile, l'attività svolta.
Gli obiettivi fin qui conseguiti daranno in effetti la possibilità di scrivere un vero e proprio originale capitolo nella storia dell’archeologia industriale nazionale e auspichiamo un ampio coinvolgimento, attivo e fattivo, di tutti voi appassionati. Chi volesse dunque saperne di più o proporsi per dare una mano non esiti a contattarci. Scrivete numerosi!

Sottocategorie

in questa categoria caricheremo a poco a poco tutte le idee e progetti per cercare di far rivivere la nostra amata ferrovia