Riceviamo e volentieri pubblichiamo un interessante articolo di elaborazione modellistica dell'amico Fabrizio Caramazza, che ha riprodotto in scala 1:87 il famoso Complesso Istruzione Freno. Buona lettura!

Un po di storia…

Nell’ottica di migliorare continuamente l’addestramento e le capacità del personale di condotta, nel 1988 le FS diedero il via libera alla realizzazione del Complesso Istruzione Freno, un moderno “simulatore” in grado di fornire al personale un riscontro chiaro e semplice sul funzionamento del freno continuo su qualsiasi rotabile e in qualsiasi situazione possibile.

Il convoglio, formato da una carrozza tipo UIC-X di seconda classe e da un carro a grande capacità tipo GABS, venne allestito nelle officine di Cittadella e consegnato ufficialmente alle FS nel 1990.

Di articoli dove si scrive su come digitalizzare un modello per fortuna la rete ormai è piena. Su internet vi sono tantissimi tutorial ricchi di informazioni  a riguardo, proposti da esperti modellisti che, con piacere e voglia di divulgare le loro conoscenze, rilanciano continue news e trucchi su un argomento ormai fondamentale e predominante nel mondo dei fermodellisti “dinamici”, ovvero degli appassionati che non si accontentano di modelli in vetrina ma vogliono simulare l’esercizio ferroviario realizzando un impianto per ricreare la “propria” ferrovia.

Questo pezzo va ad arricchire il filone, con il racconto di una digitalizzazione potenzialmente appetibile a tanti fermodellisti che trattano “italiano”.

Un giorno di giugno l’amico modellista Fabrizio Caramazza mi chiede infatti se sia possibile spostare un decoder 8 poli su un modello elaborato da una serie giocattolo, quindi senza predisposizioni del circuito stampato atto a poter ospitare un decoder.

Il Treno Plastici Italia 2017 fa tappa a Palermo, circolando anche tra gli impianti dei soci di Sicilia in Treno, Settimo Marineo e Giuseppe Randazzo. Ricordiamo che questa bellissima manifestazione modellistica, ideata nel 2013, unisce virtualmente, con un unico convoglio dalla medesima composizione, i plastici di tutta Italia. Sicilia in Treno è orgogliosa di aver fatto parte, anche ques'tanno, dell'itinerario del treno, nel 2017 composto da carrozze della mitica compagnia TEE; quest'anno infatti la rassegna è dedicata ai sessanta anni dalla istituzione dei Trans Europ Express. Vi lasciamo al video pubblicato sul canale ufficiale del TPI:

Questo video riguarda la 27ª Borsa Scambio di Palermo, a cura di Effe Model, dove, nello spazio a disposizione della Associazione Sicilia in Treno, è stato presentato il modello in H0 di una macchina realmente funzionante a vapore vivo, realizzata dal maestro, prof. Agostino Seminara!

 

Prosegue il lavoro sui primi due moduli del Plastico Sociale a norma FREMO H0m di Sicilia in Treno: nei giorni scorsi si è operato il tracciamento del piano di stazione che sarà riprodotto e delle zone perimetrali. Ricordiamo che i particolari riportati sul plastico (galleria fotografica accessibile solo agli iscritti a SiT) sono tutti ripresi, per quel che riguarda il piano binari, da originali profili plano-altimetrici dell'impianto che si vuole riprodurre, comparati e fusi con immagini satellitari dai quali sono ricavati gli altri particolari.

Attualmente i moduli sono in fase di allestimento, già presi in carico da soci modellisti che hanno aderito alla realizzazione del plastico.

Sottocategorie