Sicilia in Treno propone, in formato PDF, uno studio delle Ferrovie dello Stato risalente al 1994 per la allora Provincia di Palermo, riguardante la possibilità di realizzare un sistema tranviario intercomunale sul tracciato Palermo-Monreale riutilizzando parzialmente il sedime della mai realizzata ferrovia Lolli-Camporeale. La relazione generale di questo interessantissimo studio è stata sviluppata come “parte integrante della progettazione per il collegamento tranviario intercomunale Palermo – Monreale” e costituiva di fatto “lo studio preliminare Tecnico Economico per consentire alla committenza di valutare l'opportunità̀ di finanziare l'opera”.

La Relazione Generale si articolava sui seguenti aspetti:

  1. CONSIDERAZIONI GENERALI
  2. FINALITÀ' DELL'INTERVENTO
  3. BACINO D'UTENZA
  4. PROPOSTA PROGETTUALE
  5. EVENTUALE INTEGRAZIONE CON IL SISTEMA TRAM

L’Associazione Sicilia in Treno (SiT), manifestando piena solidarietà e condivisione, rilancia sul proprio sito una dichiarazione del socio Ing. Giovanni Saccà , dato che - a seguito della notizia, riportata da importanti organi di informazione nazionali, che è stata avviata presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti l’analisi tecnica di una proposta progettuale che fa riferimento agli studi dell’Ing. Giovanni Saccà - troppe inesattezze, non tutte in buona fede, sono state scritte arrivando ad usare, purtroppo, anche molte espressioni irriguardose.

Ecco dunque la dichiarazione, che fornisce un sintetico riepilogo per ciò riguarda le attività e gli studi dell'Ing. Saccà legati alla vicenda:

Nei giorni scorsi, diversi organi di informazione e alcune associazioni presenti sul territorio e attive per la salvaguardia della storica ferrovia Alcantara-Randazzo, hanno riportato buone notizie circa il destino della tratta che, lo ricordiamo, risulta già tutelata dalla L. 128/2017 “Disposizioni per l'istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico” in quanto inserita, all’art. 2, punto n) della suddetta legge, tra le linee ferrate da salvaguardare e da ripristinare a uso turistico.

Le novità più o meno direttamente legate a questa ferrovia, che verranno sinteticamente riproposte anche in questo articolo, suggeriscono alcune riflessioni sullo stato attuale della questione e su un possibile sviluppo futuro.

La Associazione Sicilia in Treno ha il piacere di comunicare che la è stata iscritta al registro dei soggetti che hanno accesso al beneficio del 5 per mille. Da quest’anno quindi sarà possibile finanziare SiT, senza alcun onere aggiuntivo, inserendo i dati dell'associazione nella dichiarazione dei redditi. Basterà indicare che si intende devolvere il 5 per mille della dichiarazione dei redditi alla associazione:
Sicilia in Treno APS
Codice Fiscale 97320700822

Riportiamo (grazie alla segnalazione del Socio SiT ing. G. Saccà) parte del PARERE APPROVATIVO deliberato giovedì 7 maggio 2020 dalla IX COMMISSIONE PERMANENTE (Trasporti, poste e telecomunicazioni), presieduta per l'occasione dal Vicepresidente della commissione, Diego DE LORENZIS. La seduta aveva per argomento lo "Schema di aggiornamento 2018-2019 del contratto di programma 2017-2021 – Parte investimenti tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e Rete ferroviaria italiana Spa. Atto n. 160."  Ricordiamo che nella precedente seduta del 5 maggio si era svolta l’audizione informale dell’Amministratore Delegato di RFI, Maurizio Gentile, e della Ministra delle infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli.
Nella seduta del 7 maggio la IX COMMISSIONE PERMANENTE ha esitato un parere approvativo con indicazioni di principio, da inquadrare quindi come un atto di indirizzo al fine di identificare le priorità da indicare a RFI e al Ministero. Spiccano varie osservazioni riportate in tale parere approvativo riguardanti il Mezzogiorno; tra esse, quelle relative alla ferrovie turistiche (osservazione m) ) e l'attraversamento dello Stretto di Messina (osservazione n) ); riportiamo dunque alcuni stralci potenzialmente o direttamente significativi per la Sicilia del PARERE APPROVATIVO della IX COMMISSIONE (cliccando qui potrete visionare l'intero resoconto).