Riportiamo con piacere l'articolo a tutta pagina uscito sul Giornale di Sicilia (ed. di Trapani) il giorno 9 febbraio 2017, a firma di Elio Indelicato e dedicato alla ferrovia a Scartamento ridotto di Castelvetrano. Il pezzo contiene le dichiarazioni del Sindaco di Castelvetrano, il dott. Errante, circa i programmi dell'Amministrazione per quel che riguarda la rifunzionalizzazione e valorizzazione della ferrovia che un tempo portava fino a Porto empedocle; ed una intervista al Presidente e Vicepresidente di Sicilia in Treno, gli ingegneri Andrea Bernasconi e Fabio S. Marineo, da anni impegnati nella salvaguardia e recupero delle ultime vestigia dello scartamento ridotto FS siciliano. Ricordiamo che Sicilia in Treno ha recentemente stretto un protocollo d’intesa con il Comune di Castelvetranocon lo specifico obiettivo di collaborare con l'Amministrazione per realizzare un intervento di ripristino della tratta collegante la Stazione di Marinella di Selinunte col “Ponte di ferro” sul fiume Belìce, avvalendosii della linea di finanziamento prevista nell’ambito del PO FESR Sicilia 2014/2020 - Agenda Urbana Sicilia Occidentale.

Il Sindaco Avv. Felice Jr Errante ha approvato il Protocollo d’intesa con l’Associazione Sicilia in Treno, tra le azioni volte a dare nuovo impulso alle iniziative che da molti anni l’Amministrazione del Comune di Castelvetrano persegue con l’obiettivo di valorizzare l’importante infrastruttura ferroviaria presente nel proprio territorio, costituita da un tratto della linea FS a scartamento ridotto che da Castelvetrano raggiungeva Porto Empedocle ed Agrigento, ormai chiusa al traffico dal lontano 1986.
L’Associazione Sicilia in Treno è particolarmente orgogliosa di questo importante risultato che, come sottolinea lo stesso Sindaco Errante, consegue da un impegno avviato nel 2009 da parte di molti dei soci fondatori di SiT, tra i quali alcuni, e non è un caso, sono proprio di Castelvetrano e di altre zone, come Sciacca, toccate da quella storica linea ferroviaria.
Di seguito riportiamo il testo integrale del comunicato n° 34 del 6 febbraio 2017.

Carissimi lettori,

siamo lieti di comunicarvi che domenica 15 gennaio la Federazione Italiana Ferrovie Turistiche e Museali (F.I.F.T.M.) ha accolto favorevolmente la richiesta di adesione di Sicilia in Treno. 

La F.I.F.T.M. è un’associazione costituita con lo scopo statutario di rappresentare e promuovere le attività culturali, turistiche e museali svolte dai Gruppi ed Associazioni ad essa affiliati, rapportandosi ad Enti Pubblici e Privati a livello nazionale, ed anche internazionale. Attualmente la Federazione conta associazioni aderenti su tutto il territorio nazionale, con centinaia di soci che, in forma di volontariato, operano per la promozione culturale della la storia e dell’attualità del mondo del trasporto su rotaia.

Dopo aver partecipato, come uditori, alla Assemblea annuale della Federazione, svoltasi a Lecce, il Consiglio Direttivo di Sicilia in Treno, ritrovandosi pienamente nella linea di azione che tale soggetto sta portando avanti, ha confermato la propria volontà di iscrivere la nostra associazione alla F.I.F.T.M.

Ricordiamo, con orgoglio, che già da anni alcuni soci fondatori di SiT collaborano fattivamente con la Federazione su molti aspetti e che, ad oggi, Sicilia in Treno risulta essere l’unica Associazione Siciliana aderente alla F.I.F.T.M..

Un doveroso ringraziamento va a tutto il Consiglio Direttivo della F.I.F.T.M., rappresentata dal dott. Alberto Sgarbi, per l’accettazione della nostra domanda di adesione.  Siamo orgogliosi di questo risultato e certi che la collaborazione con la Federazione sarà fruttuosa.

Facebook

Segnaliamo con piacere che Fondazione FS Italiane organizza per venerdì 30 dicembre il treno storico del Barocco, da Catania a Noto. Un itinerario turistico a bordo del treno storico con locomotiva diesel d’epoca e carrozze degli anni Trenta “Centoporte”. Per maggiori informazioni su come prenotare leggete la locandina presente su questo articolo o andate all'evento FB sulla pagina ufficiale della Fondazione FS.

Carissimi lettori, Sicilia in Treno vi augura un buon Natale e serene Feste di fine anno con una cartolina realizzata dal nostro gruppo FB Paesaggi di Sicilia: un collage che vede insieme due fotografie del 1960, una scattata a Pachino, l'altra al Brennero, ovvero la stazione più a sud e quella più a nord del nostro paese. La ferrovia di Pachino era entrata in quegli anni in declino e l'allora direttore generale delle FS, l'ing. Severo Rissone, la fece, per un attimo, tornare alla ribalta nazionale con un simbolico scambio di doni che univa idealmente tutta la rete ferroviaria nazionale!

Ebbene, oggi anche la mai dimentica ferrovia Noto-Pachino è inserita ufficialmente nella Proposta di legge sulle Ferrovie Turistiche e si ha davvero la sensazione che si sia davanti ad un epocale cambio di passo per quel che concerne la salvaguardia e il rilancio della cultura ferroviaria in tutte le sue declinazioni.

Tutti noi di Sicilia in Treno vi facciamo dunque i più sinceri auguri. E che il 2017 sia un anno di... "ferro"!

Facebook