Dopo i pareri favorevoli del 28 febbraio espressi dalla 10ª Commissione (Industria) e dalla 13ª Commissione (Ambiente), arrivano anche i pareri della Commissione Questioni Regionali, reso il 22 marzo, e della 7ª Commissione permanente Istruzione Pubblica e Beni Culturali, reso il 29 marzo.
La Commissione Questioni Regionali ha espresso parere favorevole con osservazioni. Queste indicano la opportunità di prevedere un maggiore coinvolgimento delle Regioni per quanto riguarda la individuazione e classificazione della tratte ferroviarie dismesse o  sospese  caratterizzate  da  particolare pregio culturale da destinare ad uso turistico, includendole nell’apposito elenco emanato con Decreto ministeriale (art. 2 della PdL).
Anche la 7ª Commissione ha espresso parere favorevole, con raccomandazioni e osservazioni.

Nella seduta del 7 marzo la proposta avanzata nelle sedute precedenti, di richiedere il trasferimento dell'esame della Proposta di Legge Iacono sulla istituzione delle ferrovie turistiche in sede deliberante (vedi articolo precedente) ha ottenuto il necessario consenso da parte di tutti i gruppi parlamentari presenti nella 8ª Commissione. Sulla base di questo primo importante risultato, il Presidente Sen. Altero Matteoli ha annunciato che formalizzerà quanto prima alla Presidenza del Senato la richiesta del trasferimento dell'esame in sede deliberante del disegno di legge n. 2670.
Sulla stessa richiesta dovrà esprimersi anche il Governo.
Come abbiamo già riportato nel precedente resoconto e come ribadito anche nella seduta del 7 marzo, il Vice Ministro delle infrastrutture e trasporti Riccardo Nencini, ha affermato che non vi sono al riguardo preclusioni da parte del Governo.
Si apre quindi così la strada più rapida prevista dalle procedure parlamentari affinchè la PdL Iacono diventi Legge dello Stato.
Ottime notizie davvero!

Facebook

È iniziato l’esame della PdL Iacono sulla “istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico” da parte della 8ª Commissione permanente del Senato. Nella prima seduta, di martedì 22 febbraio, presieduta dal Sen. Stefano Esposito, Vicepresidente della 8ª Commissione, la relatrice Sen. Laura Cantini ha riepilogato i contenuti della PdL approvata alla Camera il 24 gennaio.
Il verbale della seduta è visionabile a questo link.

La 8ª Commissione Permanente del Senato, alla quale è stata assegnata in sede referente la PdL Iacono "Disposizioni per l'istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico", ha tenuto una seconda seduta di esame della PdL il 1° marzo. Sulla prima seduta (22 febbraio) abbiamo già riferito (LINK).

Segnaliamo che la PdL Iacono "Disposizioni per l'istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico" è stata depositata lo scorso 7 febbraio al Senato, con Atto num. 2670, presso la ottava Commissione Permanente.
La Federazione Italiana delle Ferrovie Turistiche e Museali (F.I.F.T.M.), che ha seguito l’iter in Commissione Trasporti della Camera sino alla votazione in aula, partecipando alle audizione e dando i propri originali contributi per aprire sin dall’inizio il nuovo mondo delle ferrovie turistiche alla partecipazione diretta delle associazioni di volontari, ha inviato, insieme a Co.Mo.Do (Confederazione Mobilità Dolce), un documento al Presidente e ai membri della Commissione prima indicata. In tale nota (download) si chiede alla Commissione “di mettere in campo azioni volte a calendarizzare ed approvare rapidamente  il disegno  di legge in oggetto.” Si evidenziano inoltre l’importanza e la validità del testo licenziato dall’aula della Camera e la circostanza che la approvazione sia avvenuta con l’unanimità dei consensi.
Sicilia in Treno confida nella rapida conclusione dell’iter con la definitiva approvazione e pubblicazione del testo della futura Legge Iacono, nella certezza che l’azione della nostra associazione, come di tutte le altre associazioni che operano nel campo della attività e cultura ferroviaria, troverà in questo modo un importante riferimento normativo a partire dal quale sviluppare e realizzare concretamente progetti di recupero ferroviario, anche in Sicilia.

Facebook