Stampa
Categoria: Il Tram a Palermo - dalle origini al 1946
Visite: 2566

L’Associazione Sicilia in Treno è lieta di segnalare la pubblicazione del libro “Palermo, il tram ieri oggi e domani”, opera del Prof. Salvatore Amoroso (Ed. Torri del Vento). L’autore, professore ordinario presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo, ha affiancato alla attività didattica e di ricerca scientifica la pubblicazione di numerose e interessanti opere nel campo dei trasporti, con particolare riguardo alla Sicilia e alla Città di Palermo. Ricordiamo, tra gli altri, il notevole e ormai purtroppo introvabile “Le stazioni ferroviarie di Palermo” (Regione Siciliana - Palermo 2000) nonché un altro importante testo dedicato alla città di Palermo, “Il trasporto pubblico a Palermo” (Gidue - Palermo 1985).
Il nuovo libro, come suggerisce il titolo e come ribadisce Fabrizio Micari, Rettore del’Università di Palermo, nella sua presentazione, offre una importante documentazione storica e tecnica sulla base della quale il lettore può seguire non soltanto la evoluzione dei tram a Palermo ma anche la evoluzione della stessa città di Palermo, dal punto di vista dell’ambiente urbano e sotto il profilo sociale. Non è un caso, evidentemente, che il primo dato esposto dall’autore è di carattere demografico: nel 1871 la popolazione censita a Palermo ammontava a circa 220.000 abitanti, dato che collocava la città al terzo posto tra quelle italiane.

Colpisce subito, ad un primo contatto con il libro, la copertina con la sua bella immagine omaggio alla storica traccia ancora presente a piazza Marina della vecchia rete tramviaria palermitana. Basta aprire il volume e sfogliarlo rapidamente per avere subito cognizione di come l’apparato di immagini abbia un ruolo fondamentale, aspetto questo che ne rende ancor più indispensabile la lettura.


Le tre fasi temporali cui rimanda il titolo sono analizzate in dettaglio per i vari aspetti, dalla nascita del servizio di trasporto pubblico alle scelte delle amministrazioni comunali, dallo sviluppo delle varie reti tramviarie nel corso della prima metà del XX secolo sino alla smobilitazione del dopoguerra in favore di filobus ed autobus, dal ritorno del tram in anni recenti sino alla programmazione della futura estensione.


Uno specifico capitolo è dedicato alla funicolare di Monreale, con una chiara illustrazione delle modalità di esercizio del caratteristico tratto in cui era previsto l'accompiamento delle vetture del tram al cosidetto "carro-freno". Interessante rilevare come già all'epoca  si dava la possibiità di visitare, dietro pagamento di modico biglietto in favore della Cassa di previdenza degli impiegati, "i meccanismi della funicolare, ed avere le relative spiegazioni sul modo di funzionare".
L'ampio ed approfondito testo si conclude con un capitolo anche questo molto interessante, dedicato alle presenze del tram di Palermo in pellicole cinematografiche riprese a partire dai primi anni del 1900. Sorprende leggere che vi sono testimonianze di quell'epoca provenienti da film amatoriali e riprese di carattere familiare, dalle quali sono tratti numerosi fotogrammi a corredo del testo.  É anche un'ottima occasione per ricordare alcuni nomi di personaggi e case di produzione palermitane che diedero vita anche nella nostra città all'arte cinematografica.


Ricordiamo infine che il Prof. Amoroso è socio dell'Associazione Sicilia in Treno e che alcuni soci di SiT, insieme ad altri appassionati studiosi e cultori della storia dei trasporti e della storia di Palermo, hanno fornito un piccolo contributo.
Il libro è già stato distribuito ed è reperibile a Palermo anche presso Spazio Cultura – Libreria Macaione, in via Marchese di Villabianca 130. In questa libreria sarà applicato uno sconto ai soci di Sicilia in Treno.

Facebook