Segnaliamo l’articolo che la testata giornalistica Castelvetrano News dedica alle recenti notizie riguardanti la salvaguardia della linea dismessa a scartamento ridotto Castelvetrano – Porto Empedocle e la possibilità che essa sia oggetto di recupero per il ritorno di una fruizione pubblica. L’articolo riprende anche alcune dichiarazioni di Andrea Bernasconi e Fabio Marineo i quali, oltre a confermare l’impegno, ormai pluriennale, dei soci di SiT per il ripristino dell’esercizio ferroviario nel tratto di linea che tocca l’area archeologica di Selinunte, espongono una ulteriore possibilità di fruizione pubblica anche di altri tratti di linea, che potrebbero essere percorsi con il “ferrociclo”. Vi invitiamo a leggere l’articolo per prendere conoscenza di questa importante novità, sulla quale prossimamente torneremo per fornirvi ulteriori informazioni riguardanti sia le caratteristiche del nuovo mezzo sia gli sviluppi normativi in corso, che ne consentiranno la diffusione e l’utilizzo.

Facebook

Sono iniziati oggi pomeriggio a Taormina, preceduti dai saluti istituzionali, i lavori degli “Stati Generali del Turismo Siciliano”, una manifestazione organizzata dall’Assessorato Regionale al Turismo, Sport e Spettacolo per raccogliere tutte le proposte provenienti dagli operatori, pubblici e privati, che agiscono nel settore del turismo, volte a sviluppare l’offerta turistica siciliana. I lavori sono articolati su cinque "tavoli tematici", con il corollario di alcuni “focus” e “forum istituzionali”, e termineranno domani 26 novembre, con le conclusioni dell’Assessore Antony Barbagallo e del Ministro Dario Franceschini.

Il giorno 27 novembre Effe Model, della famiglia Filippone, organizza la celebre borsa scambio, giunta alla sua 26ª edizione. Quest'anno la location si sposta negli spazi del San Paolo Palace Hotel, con ingresso libero dalle ore 09:00 fino alle 18:00. Anche Sicilia in Treno, pur appena costituitasi, sarà presente dalle ore 09:00 alle 12:00 grazie ad una postazione messa a disposizione dagli organizzatori, a riconoscimento della ricca produzione nel settore del modellismo ferroviario ad opera dei soci fondatori che hanno dato vita a SiT, un lavoro apprezzato anche nel corso delle edizioni passate della borsa scambio ed ancora facente parte del patrimonio di privati ed altre associazioni. Veniteci a trovare, sarà un modo per presentare la nostra realtà, i programmi e gli appuntamenti che intendiamo proporre in futuro.

Ma c'è di più: nel corso della mattinata ci metteremo a disposizione di chiunque vorrà digitalizzare le proprie locomotive in scala: grazie ad una piccola offerta potrete infatti usufruire del servizio di montaggio dei decoder, sia su modelli predisposti per il DCC, sia per vecchie macchine analogiche. Portateci dunque le vostre locomotive e i decoder che desiderate installare!

Ricordiamo che il servizio sarà gratuito per tutti i soci iscritti a SiT.

Vi aspettiamo!

Facebook

Annotiamo con piacere che, a seguito del secondo comunicato congiunto di Sicilia in Treno e l'AltraSciacca per la ferrovia a Sciacca in cui si registravano incoraggianti sviluppi, l'emittente Tel Radio Kronio ha proposto nel proprio TG del 12 novembre un servizio che riprende quasi integralmente il nostro articolo, riportando all'attenzione del suo pubblico sia le recenti positive prese di posizione politiche, sia l'importanza della strada ferrata in termini di rilancio del territorio. Vi lasciamo al servizio.

Facebook

L’Associazione Sicilia in Treno e L’Associazione l’AltraSciacca registrano con grande interesse le positive reazioni che ha avuto presso l’opinione pubblica, gli amministratori e i politici locali, il comunicato congiunto del 28 ottobre scorso.

Ricordiamo che in tale comunicato si è segnalato il pericolo che le vendite annunciate da Ferservizi s.p.a. (Gruppo FS Italiane), riguardanti alcuni tratti della linea Castelvetrano – Porto Empedocle ricadenti nel territorio del Comune di Sciacca, determinassero la perdita dell’unitarietà della proprietà della sede ferroviaria rendendo impossibile la realizzazione di progetti di recupero e riuso di grande valenza ambientale, culturale e turistica, nonché di significativa ricaduta economica per il territorio.

Il Sindaco di Sciacca ha inviato al responsabile territoriale di Ferservizi una nota in cui esprime il dissenso della Amministrazione comunale rispetto ad una vendita che potrebbe incidere negativamente sul valore storico, culturale, paesaggistico e turistico che si riconosce alla linea ferrata dismessa. Il Sindaco Fabrizio Di Paola ha chiesto pertanto la sospensione della procedura di vendita.

Il deputato regionale Matteo Mangiacavallo, di Sciacca, capogruppo all’ARS del M5S, si è rivolto all’Assessorato Regionale delle Infrastrutture, chiedendo di intervenire per “bloccare i bandi di vendita ai privati di tutti i lotti della ex ferrovia ricadenti nel comune di Sciacca e di eventuali altri tratti in Sicilia ricadenti nella programmazione del Piano di mobilità non motorizzata in Sicilia”. Nella sua nota, l’On. Mangiacavallo riepiloga puntualmente quanto è già previsto nella programmazione regionale relativamente alla creazione di una rete di mobilità alternativa, che potrà certamente essere il volano di uno sviluppo turistico con caratteristiche specifiche legate alla qualità dell’offerta ed alla sua destagionalizzazione.