L’Amministrazione comunale di Sciacca incontrerà a Roma i rappresentanti di Ferservizi s.p.a. lunedì 5 dicembre. In una sua dichiarazione il Vicesindaco Silvio Caracappa dichiara quanto segue: “Rappresenterò l’Amministrazione Comunale per confermare quanto già sottoscritto dal Sindaco Di Paola contro la vendita dei tratti di linea ferrata in città. Al tavolo della discussione rappresenterò una serie di argomentazioni che tendono ad evidenziare l’interesse per queste prozioni di patrimonio che nelle nostre intenzioni andrebbero valorizzate diversamente ed in una prospettiva solamente turistica.” Caracappa si riferisce alle recenti dichiarazioni del Sindaco richiamate nell’articolo pubblicato oggi sul web dal “Corriere di Sciacca”. Potete leggere QUI l’articolo.

Facebook

Riportiamo di seguito il testo del comunicato stampa pubblicato sul sito www.fsnews.it, dal titolo “Trenitalia: a rischio il servizio ferroviario regionale in Sicilia”, nel quale si dà conto dell’incontro fra l’Assessore Regionale Giovanni Pistorio, il Direttore della Divisione Passeggeri Orazio Iacono e il Direttore della Direzione Regionale Sicilia di Trenitalia Maurizio Mancarella

Palermo, 30 novembre 2016
L’Assessore Regionale ai Trasporti, Giovanni Pistorio, il Direttore della Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia, Orazio Iacono, e il Direttore Regionale, Maurizio Mancarella, si sono incontrati oggi per confrontarsi sul futuro dei trasporti ferroviari in Sicilia e definire gli aspetti del rinnovo del contratto di servizio.
L’ordine del giorno ha dovuto subire un’inaspettata modifica alla luce della situazione determinata ieri dalla bocciatura di una norma della legge di assestamento finanziario che impedisce alla Regione Siciliana di pagare i corrispettivi dovuti a Trenitalia per i servizi già erogati nel 2016.
Questo scenario rischia di compromettere lo sviluppo del servizio ferroviario mettendo a rischio la firma del contratto che prevede investimenti rilevanti per il rinnovo della flotta.
Non solo, tale decisione si pone in assoluta controtendenza rispetto all’impegno che tutte le regioni italiane hanno assunto e che le ha portate a regolarizzare la loro posizione finanziaria, consentendo così di proseguire nell’acquisto di nuovi treni e nell’ammodernamento tecnologico della flotta esistente.
Trenitalia, che sta attentamente valutando le azioni da intraprendere, auspica che la situazione possa trovare una rapida e positiva soluzione nell’interesse primario dei cittadini siciliani e di una mobilità efficace e sostenibile per l’Isola.
Fonte: FSNews

Facebook

Segnaliamo con piacere quanto appreso dal sito di Trenitalia, ovvero la riapertura della linea Caltanissetta - Canicattì - Campobello/Ravanusa - Licata - Gela. dal 12 dicembre infatti, dall'orario ufficiale scompaiono (finalmente!) le autocorse sostitutive in favore di tre coppie di treni regionali veloci. Sicuramente una notizia che tutti noi aspettavamo.

A suggellare tale riapertura, Fondazione FS Italiane organizza proprio su questa linea per domenica 11 dicembre il treno speciale "CHOCOMODICA EXPRESS", da Caltanissetta a Modica. Un itinerario turistico a bordo del treno storico con locomotiva diesel d’epoca e carrozze degli anni Trenta “Centoporte”, in occasione di “ChocoModica 2016”, la kermesse dedicata al cioccolato modicano. Per maggiori informazioni su come prenotare leggete la locandina presente su questo articolo o andate all'evento FB sulla pagina ufficiale della Fondazione FS.

Facebook

La 26ª Borsa Scambio tenutasi il 27 novembre 2016 all'Hotel San Paolo Palace di Palermo, organizzata da Effe Model, ha registrato, come sua consuetudine, un pienone, ed è stata, nel nostro piccolo, un successo: nelle 3 ore di permanenza della nostra postazione infatti, abbiamo accolto la richiesta di iscrizione di molti nuovi soci e abbiamo avuto l'occasione di poter divulgare ai tanti appassionati della ferrovia, venuti per la Borsa-Scambio, la nascita di SiT, la nostra attività e i nostri obiettivi. Un grazie di cuore va ai fratelli Filippone, che invitandoci, ci hanno dato questa grande opportunità di incontro con un pubblico numeroso ed appassionato. Non vediamo l'ora che arrivi la 27ª Borsa Scambio, per poter mostrare i progressi della nostra attività!

Vi lasciamo alle foto scattate durante la manifestazione e ad un video in Time Lapse del socio Sergio Gargagliano, buona visione!

Il treno storico organizzato da Fondazione FS Italiane sabato 26 novembre in occasione della giornata conclusiva degli Stati Generali del Turismo Siciliano, che abbiamo presentato in un precedente articolo, è stata l’occasione durante la quale il Ministro Franceschini, l’Assessore Barbagallo ed il Direttore Cantamessa hanno rilasciato significative dichiarazioni relativamente allo sviluppo del turismo ferroviario in Sicilia. Il Ministro Franceschini e l’Assessore Barbagallo hanno confermato, dal punto di vista del Governo nazionale e di quello regionale, la volontà di impegnare risorse in un settore che è ormai dimostrato essere effettivamente un volano in grado di produrre positive ricadute economiche sul territorio. L’Assessore Barbagallo ha anche annunciato per il prossimo 10 dicembre una nuova edizione del Treno del Cioccolato in occasione di ChocoModica, rassegna enogastronomica dedicata al cioccolato artigianale tipico, che si terrà nella splendida cornice del centro storico della città barocca di Modica dall’8 all’11 dicembre.

In particolare, sono molto interessanti le parole del Direttore di Fondazione FS Italiane Luigi Cantamessa. Per prima cosa l’Ing. Cantamessa ha ricordato gli investimenti che hanno portato alla rinascita della “Linea dei Templi” ed al suo riconoscimento come ferrovia turistica di livello internazionale, sancito con le recenti richieste da parte di tour operator tedeschi. Quindi, come avevamo prefigurato nell’articolo di presentazione degli Stati Generali, ha indicato un futuro di recupero e riutilizzo a scopo turistico di due linee siciliane: la via Milo, attualmente sospesa (dal febbraio 2013), nella quale la stazione di Segesta Tempio potrà diventare la principale porta di accesso all’area archeologica, e la linea Alcantara – Randazzo, per la quale in effetti abbiamo già registrato recentemente l’avvio di attività che appaiono propedeutiche a concreti lavori di ripristino. 

Molta attenzione suscita l’interesse manifestato per il deposito di Castelvetrano con particolare riferimento al ripristino dello scartamento ridotto.

In definitiva, le dichiarazioni che raccogliamo in occasione degli Stati Generali del Turismo convergono tutte sulla opportunità, sulla importanza, potremmo dire sulla necessità strategica, che le linee ferroviarie dell’isola divengano protagoniste dello sviluppo che si intende imprimere all’offerta turistica in Sicilia. Questo comporterà uno specifico impegno di risorse destinate al conseguimento di un obiettivo così rilevante, nella consapevolezza che tali risorse avranno un ritorno certo e molto positivo sul territorio. Ovviamente senza tralasciare lo sviluppo infrastrutturale delle ferrovie siciliane adibite al traffico commerciale: il Ministro Franceschini ha sottolineato infatti la necessità e l'urgenza di avere nell'isola strade ferrate all’altezza per garantire un rapido ed efficiente trasporto ordinario, ovvero portare la "vera alta velocità" in Sicilia.