Stampa
Categoria: Gite e Manifestazioni
Visite: 1217

Si è svolto presso i locali di Spazio Cultura – Libreria Macaione, in via Marchese di Villabianca 102, il primo della serie di incontri programmati dalla Associazione Sicilia in Treno, ai quali aderisce la Sezione siciliana del CIFI (Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani).
Sebbene il programma abbia subito variazioni, per la improvvisa indisponibilità del relatore Paolo Simon, si è trattato di un incontro particolarmente piacevole, sopratutto per la presenza di un folto pubblico molto interessato con il quale gli organizzatori hanno dialogato illustrando la programmazione degli argomenti già individuati nei prossimi mesi da febbraio a maggio.
E' stato chiarito che si tratta di un programma di massima che potrà essere rimodulato qualora se ne ravvedese la opportunità. Ad esempio, in relazione al procedere della attività della Commissione che sta lavorando per il concorso di idee bandito dal Comune di Palermo per la progettazione delle tre nuove linee del tram, si è convenuto che l'incontro dedicato a presente e futuro del tram, inizialmente previsto per il prossimo 20 marzo, risulterà certamente molto più interessante se rinviato a dopo la individuazione definitiva del concorrente aggiudicatario della progettazione. In tal modo sarà possibile prendere conoscenza delle principali caratteristiche della proposta progettuale risultata vincente.

Dopo la introduzione del padrone di casa, Nicola Macaione, sono stati brevemente accennati gli altri temi che si intende trattare: principi di funzionamento ed esercizio pratico delle locomotive a vapore,  la Legge 128/2017 e la nascita delle ferrovie turistiche in Italia, la “cura del ferro” nella città di Palermo: una rivoluzione possibile, tra Passante, Anello, Tram e MAL.
Il prossimo incontro, programmato per il giorno 27 febbraio, sarà curato dal Prof. Seminara e dall'Ing. Trapani, i quali sono intervenuti per dare una anticipazione sulla impostazione delle rispettive trattazioni. Il Prof. Seminara ha brevemente indicato i principi base che i primi costruttori di locomotive riuscirono ad applicare per la creazione delle nuove macchine, principi che saranno illustrati in dettaglio nell'incontro previsto, anche con il supporto di riproduzioni delle varie parti meccaniche componenti e di modelli in scala ridotta di locomotive funzionanti a vapore vivo, interamente autocostruite. L'Ing. Trapani ha introdotto l'argomento della conduzione delle locomotive a vapore ricordando le esperienze personali per la abilitazione, rinviando al successivo incontro lo sviluppo del tema.


Il Vicepresidente di SiT Fabio Marineo ha introdotto il tema della legge sulle ferrovie turistiche evidenziando quali sono le aspettative, con particolare riguardo alla Sicilia dato che tra le diciotto linee ferroviarie indicate dalla legge che presentano le caratteristiche adeguate per l'uso turistico ben quattro sono nella nostra isola.
Nicola Macaione ha quindi presentato il libro di  Giuseppe Paternò "Quando il tram arrivava a Mondello - Storia dei ragazzi di via Papireto" (Qanat editore) e Ninni Paternò, figlio dell'autore, ha ricordato come il romanzo tragga spunto da una indimenticabile gita in tram fatta dal padre ancora bambino, a partire dal Papireto per raggungere appunto Mondello. Un libro ricco di vita vissuta e di immagini d'epoca, con la rievocazione di un tempo e di una Palermo che fu, ormai mitizzati nei ricordi di chi vi ha potuto partecipare.
È seguito un simpatico e animato scambio di opinioni tra tutti i partecipanti all'incontro, nel corso del quale sono emersi vari punti di vista sullo sviluppo del trasporto pubblico nella nostra città. Un aspetto, questo del confronto di idee, esperienze ed opinioni, che contiamo possa caratterizzare tutti i successivi incontri.
Infine, è stata prospettata la possibilità che agli incontri nella sede di Spazio Cultura si possano affiancare anche visite a luoghi ferrovisri della città oggetto di trattazione. Un esempio: la linea ferroviaria che sino al 1957 collegò la stazione centrale alla stazione del porto.
Appuntamento al 27 febbraio, con le locomotive a vapore!

Facebook